CHIEVE - Ancora una brutta domenica in casa San Biagio che paradossalmente pone fine alla crisi del Chieve che di slancio riprende i 3 punti dopo cinque sconfitte consecutive. E dire che, nonostante un avvio più intraprendente dei padroni di casa, sono i nostri ragazzi ad essere più presenti dalle parti dell'area di rigore avversaria. Subito al 10' è Sottocasa che dalla distanza prova a sorprendere Tartaglia ma la sua conclusione è di poco alto sopra la traversa. Risponde il Chieve con Gallarini che al 17' chiama Comandù alla deviazione in angolo. Al 20' Dragoni su cross di Cipelletti sbaglia incredibilmente un gol che sembrava già fatto. Lo sventato pericolo sembra sciogliere il San Biagio che l'ultimo quarto d'ora sembra padrone del campo e all'ultimo minuto Campagnoli impegna seriamente Tartaglia il quale ha il riflesso giusto per salvare la propria rete e mandare così le squadre negli spogliatoi a reti bianche.

Succede così tutto nella ripresa: al 5' angolo di Vignani, sulla ribattuta Dragoni controlla di petto e con un secco rasoterra infila Comandù per l'1-0 locale. Passano però pochi minuti e Campagnoli su punizione toglie letteralmente le ragnatele dal sette e pareggia i conti. Sembra di nuovo tutto in equilibrio quando però Comandù rinvia dal fondo clamorosamente sui piedi di Dragoni il quale viene steso da D'Agostino: penalty e rosso discutibile. Lo stesso Dragoni dal dischetto fa 2-1. Lo schock non è finito perchè viene assegnato al 20' un altro calcio di rigore stavolta per un fallo in area di Lazzarini. Sempre Dragoni fa hattrick e porta il risultato sul 3-1. Si spegne quasi inevitabilmente la luce in casa Samba e verso lo scadere Bakroui serve il poker che fissa il risultato sul 4-1.

Rimane poco da recriminare in casa sanbiagina, che è stato in partita fino a mezz'ora dal termine, poi come purtroppo spesso accade in questo campionato non ha la forza di reagire. Vedremo se il mercato invernale, con gli acquisti di Bianchi, Bonalda, Marcarini e Goulart saprà rinvigorire lo spogliatoio biancoazzurro. Sabato alle ore 14.30 il recupero con la Lodigiana ieri vittoriosa in rimonta completerà il girone di andata per un 2017 che è stato scarno di emozioni. Speriamo in un 2018 migliore !

Nella serata di ieri presso la sala stampa dello Stadio Garilli si è svolta la presentazione del progetto “Football Academy Piacenza“.

A fare gli onori di casa il Direttore Generale del Piacenza Calcio Marco Scianò e il Direttore del Settore Giovanile Francesco Guareschi. Alla presenza delle società affiliate Academy sono state presentate le linee guida dell’area dirigenziale, organizzativa, tecnica e scouting dell’Attività di Base del Piacenza Calcio 1919.

Per l’area tecnica sono intervenuti il Responsabile Tecnico dell’Attività di Base Carlo Abbiati e il Coordinatore Tecnico Roberto Scarpanti.

Ecco l’elenco delle società affiliate: San Lorenzo Monticelli, Lodivecchio, Polisportiva San Biagio, Sarmatese, Apos Stradella, Palazzo Pignano, Polisportiva Corsico, Junior Drago San Giorgio, Polisportiva Podenzano 1945 e Club Milano.

MONTODINE - Brutta sconfitta esterna per un rimaneggiato San Biagio, che arriva privo di troppi elementi cardine in una sfida delicata e decisiva. Le assenze in casa Samba si fanno sentire, già ormai privi di Losi e Passerini G., si aggiungono alla lista degli esclusi, l'infortunato Passerini e degli squalificati Campagnoli, Sottocasa e Anelli. Scendono in campo parecchi giovani Juniores che non sfigurano, ma la trasferta di Montodine serve solo a risollevare le sorti dei cremaschi che guadagnano così 3 punti in ottica salvezza. Nonostante le assenze la prima mezz'ora è tutta biancoblu e la prima opportunità ce l'ha Portolano su un crocs in "rabona" di Mussi, ma da buona posizione spara alto. Alla prima discesa è però la Montodinese a passare in vantaggio grazie ad un sacroscanto rigore su Danzi messo giù da Boriani. Dal dischetto Gipponi fa 1-0 per i biancorossi. A fine primo tempo è ancora il San Biagio ad essere pericoloso e sfiorare il pareggio con Lazzarini il cui colpo di testa esce di un soffio a lato.

La Montodinese però ad inizio ripresa parte subito forte: al 5' bel tiro di Gipponi a lato non di molto e al 10' arriva il raddoppio di testa di Capellini su cross di Familari. Il gol taglia letteralmente le gambe al Samba che si fa vivo solo alla mezz'ora, quando Cannizzo trasforma un penalty per il 2-1 che accende qualche fievole speranza. Nel finale ci prova il neo entrato Medaglia che manda fuori di un soffio, ma allo scadere Nigrotti nel più classico dei contropiedi fissa il risultato sul 3-1.

LOCATE TRIULZI - Ottimo pareggio in trasferta sul difficile campo del Locate, sia per la modalità sia per il valore dell'avversario. Il Samba dà finalmente continuità e dopo la vittoria con il Montanaso trova un altro meritato punto giocando peraltro più di un'ora in inferiorità numerica. Parte forte la squadra milanese che al 5' ha già la prima palla gol: volata sulla fascia di Salvagione che trova con un perfetto cross il bomber locale Finizza che però non centra lo specchio della porta. Al quarto d'ora però lo stesso attaccante con un diagonale chirurgico trova l'angolino e il vantaggio dei sudmilanesi non con qualche polemica causata da un uomo atterra. L'accaduto alza un po' la temperatura in campo e dopo qualche minuto Campagnoli entra in maniera scomposta su Pastore, l'arbitro a pochi passi giudica l'entrata troppo violenta e sventola il cartellino rosso davanti all'incredulo attaccante. Sembrerebbe l'inizio della fine, anche perchè il Locate dimostra di meritare i primi posti della classifica proponendo davvero un bel calcio ma andando vicino al raddoppio solo in un'unica occasione con Radaelli al 35', il cui diagonale però si spegne senza sussulti sul fondo. 

Nonostante ciò, al rientro dall'intervallo si rivede stoicamente il San Biagio in cerca del pareggio: al 10' con Bulla che scalda i guanti a Brunacci, il quale è costretto al gran volo per deviare un insidiosissimo bolide dell'esterno bianco azzurro. Sugli sviluppi del corner, Mussi pennella un cross teso sul quale Barbazza irrompe statuariamente e fa 1-1. Subito il contraccolpo psicologico, i padroni di casa cercano il gol che varrebbe la vetta solitaria in virtù dei risultati che arrivano dagli altri campi, ma trovano sempre l'opposizione dell'arcigna difesa sanbiagina. Da segnalare solamente al 20' un erroraccio di Radaelli che, imbeccato da Monetti, a tu per tu con Comandù calcia incredibilmente a lato. Per il resto, con un uomo in meno, il San Biagio si chiude a riccio fino al 90esimo e al triplice fischio si merita gli applausi dei propri sostenitori per l'importante risultato ottenuto contro una squadra, lo ribadiamo, davvero apprezzabile e ben disposta in campo da mister Clerici. Testa subito alla prossima partita, nuovamente in trasferta in quel di Montodine per cercare di proseguire un trend che finalmente ha il sapore di soddisfazione. 

© 2015 Polisportiva San Biagio 1968. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper