Bertonico - Eccoli i primi tre punti della stagione. Meritati, sudati, un po' troppo sofferti, ma sicuramente importanti dopo un'avvio shockante in quel di Lodivecchio. Gli unidici di mister Intropido partono subito forte con i quattro moschettieri del reparto offensivo Mussi, Deni, Cannizzo e Campagnoli ed è proprio quest'ultimo a finalizzare, al 2' minuto di gioco, una bella azione corale con un tagliente diagonale che non lascia scampo al portiere ospite Soffientini. Biancblu subito in vantaggio e per non bissare il match precedente impongono alla gara un ritmo alto per cercare di mettere in difficoltà il Mairago. Ci provano nuovamente Campagnoli, Anelli, Cannizzo e Mussi ma la difesa ospite regge bene, salvata anche da qualche prodigioso intervento del portiere. Il Mairago, ripresosi dall'onda d'urto iniziale, sveste i panni di vittima sacrificale e inizia a tirare fuori le unghie, affacciandosi con più insistenza dalle parti di Comandù, chiamato all'appello in un paio di occasioni. Mentre il Mairago sembra guadagnare campo, sugli sviluppi di uno schema da calcio d'angolo,al 35'  Campagnoli intelligentemente finta la conclusione e lascia a Lazzarini l'onore di concludere in rete con un bel diagonale sul quale nulla può l'estremo difensore ospite.

Ancora freschi di memoria dei fantasmi di Lodivecchio, il San Biagio non abbassa i ritmi e cerca di scoprirsi il meno possibile nel tentativo di equilibrare il gioco, soprattutto cercando di lavorare con gli esterni offensivi in fase di ripiego e cercare rapide ripartenze. E' infatti sui piedi di Deni il match ball che chiuderebbe l'incontro, ma la sua zampata viene infranta dai guantoni di Soffientini. Quando i giochi sembrano virtualmente chiusi, il Mairago sfrutta al meglio un'ingenuità del centrocampo biancoblu e con il neoentrato Foletti colpisce con il più classico dei contropiedi al 70' e fa 2-1. A differenza della gara precedente, però, il San Biagio non cala il ritmo e non rischia più nulla e amministra il ridotto vantaggio. E' poi Benuzzi con uno straordinario diagonale all'incrocio dei pali a mettere al sicuro il risultato con il 3-1 finale.

 

                                                          Lodivecchio - 

Non incomincia benissimo l'avventura del San Biagio di mister Intropido, che viene schiantato dopo essere passati doppiamente in vantaggio con la doppietta firmata Campagnoli nella prima mezz'ora: il Lodivecchio rimonta incredibilmente prima dell'intervallo e nella ripresa dilaga, in un secondo tempo senza storia. Sono da subito i padroni di casa a spaventare i biancoblu, con Luisetti la cui punizione dal limite termina a lato di poco. Al 10' minuto però Campagnoli si carica il peso dell'attacco sulle spalle, controlla e calda dal limite: una conclusione beffarda che inganna il portiere avversario e risulta decisiva. Passano altri 10 minuti e su un ribaltamento di fronte, Campagnoli impegna Risalvato e sulla respinta è ancora lui il più lesto di tutti ad avventarsi sulla sfera e firmare la doppietta.

Da questo momento il San Biagio sparisce dal campo e inaspettatamente il Lodivecchio prende in mano il pallino del gioco. Al 37' Lottaroli riceve da Grossi e trova un filtrante per Luisetti che con uno splendido pallonetto supera Comandù in uscita: al 40' lo stesso copione, con Luisetti servito in area e molto bravo a freddare il diretto marcatore e il portiere in uscita. Prima dell'intervallo c'è spazio per il 3-2 firmato Milani: sul corner il difensore anticipa tutti e porta avanti i suoi, il tutto nel giro di soli 7 minuti.

Nella ripresa lo scatenato Ferrari fa impazzire la retroguardia del San Biagio ormai in black-out: servito da Lottaroli centra in pieno la traversa al 10', mentre al 27' serve a Grossi la palla del quarto goal. Non passa nemmeno un minuto e Lodigiani infila per Ferrari che si iscrive al tabellino dei marcatori: cinque reti di carattere per il Lodivecchio, che cancella ribalta così il risultato iniziale. Nell'ultimo quarto d'ora le squadre tirano i remi in barca, senza creare ulteriori occasioni, preservando le forze per il recupero infrasettimanale.

 

 

L’iscrizione alla Scuola Calcio per la stagione 2017/2018 è aperta a TUTTI i bambini/e nati tra il 2010 e il 2012.

L’attività si svolgerà a partire dal 20/09/2017 il mercoledì dalle ore 16.00 alle ore 18.00 e il sabato dalle ore 10.00 alle ore 12.00.

Nel periodo autunnale e primaverile gli allenamenti si svolgeranno sui campi del San Biagio in Viale Duca d’Aosta con gli istruttori ISEF direttamente dalla società Piacenza Calcio, lo scorso anno ad un passo dalla Serie B.

Nel periodo invernale (indicativamente da novembre a marzo) gli allenamenti verranno sostenuti nella palestra del Liceo Novello di Codogno (Mercoledì pomeriggio) e nel palazzetto Match Point Tennis Club in Viale Resistenza 15/A (Sabato mattina)

 

    

Ogni bambino ha diritto a svolgere un mese di prova gratuita, su uno dei campi scelti e successivamente potrà effettuare l’iscrizione, previa consegna dei documenti richiesti:

  • 1 fototessera
  • certificato medico di base fino ai 12 anni o per sport agonistico
  • certificato anagrafico plurimo di stato di famiglia, di residenza e atto di nascita per uso sportivo (autocertificazioni)

 

La quota annua di iscrizione prevista per la Scuola Calcio è di € 130,00 e con ulteriori 30,00 € è possibile acquistare il Kit ufficiale Scuola Calcio Domenico Macchioni.

Per il pagamento potete rivolgervi al presidente Andena Marco, oppure a Bottani Andrea, Faliva Emiliano, Faliva Roberto o Rossi Abramo, sempre disponibili dal lunedì al venerdì dalle 18.30 alle 20.00 e il sabato dalle 10.00 alle 12.00.

 

Per maggiori informazioni, potete rivolgervi al Presidente Marco Andena (339.20.05.110), al nostro responsabile Roberto Scarpanti (333.272.9966), venire in sede dalle 18.00 in avanti, inviarci una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure un messaggio sulla nostra pagina di facebook https://it-it.facebook.com/PolisportivaSanBiagio1968

 

Oggi pomeriggio si affronteranno al Breda di Codogno, stadio della Polisportiva San Biagio, la formazione biancoblu, Pro Piacenza, Pergocrema e Albacrema.

Tutti insieme per ricordare il nostro caro amico Eddy 'Baloo' Breda a 10 anni dalla tragica e prematura scomparsa.

Di seguito il programma della giornata:

- 14.30  Sanbiagio - Pro Piacenza
- 15.15 Pergocrema - Albacrema

- 16.00 Finale terzo/quarto posto
- 16.45 Finale primo/secondo

 

 

IN ONORE DI “BALOO” Sopra Eddy Breda con gli Allievi del San Biagio e con il nostro giornalista Marco Rossi tra i fiordi nel 2004; in basso a destra le targhe destinate alla Norvegia e quella che già lo ricorda a Codogno.

Dalla Bassa fino a Capo Nord, passando per la cittadina norvegese di Lillestrom: un tranquillo weekend da circa 8 mila chilometri solo per ricordare un amico, scomparso troppo presto. Questa l'incredibile avventura organizzata dagli amici di Edward Breda,per tutti “Baloo”, indimenticato portiere codognese del San Biagio prematuramente scomparso nel settembre del 2007 quando era solo 19 enne e un brutto giorno non si risvegliò dal sonno. A dieci anni da quella tragedia, che sconvolse il calcio lodigiano e non solo, sette amici di Eddy (a cui nel frattempo è stato intitolato il campo del “Samba”) hanno deciso di coinvolgere suo padre Sergio e farsi un giretto in Norvegia.

«Con Baloo volevamo raggiungere Capo Nord a bordo della sua mitica Fiat Panda rossa - racconta Paolo, che per primo ha proposto l'idea, ma non abbiamo fatto in tempo e da qui è nata l'idea di rendere omaggio a dieci anni dalla sua dipartita con questa"missione". Insieme a suo padre partiremo per raggiungere Alta, aeroporto più a nord in assoluto, da lì noleggeremo una macchina per raggiungere Capo Nord e poter lasciare una targa (“Gli animi non sono lontani solo perché divisi dallo spazio”, il senso della frase incisa, ndr) in ricordo di Eddy sul monumento chiamato Globo». Ma la targa commemorativa che la spedizione lascerà sul punto più a nord dell'Europa continentale non è l'unico scopo di questo viaggio. «Nei prossimi giorni il resto del gruppo raggiungerà Sergio e Paolo - racconta Christopher, che insieme a Gianluca (suo compagno negli Allievi che vinsero il titolo provinciale) ha curato la parte operativa del viaggio - e saremo di base a Oslo, a due passi dalla cittadina di Lillestrom, vero amore per il nostro amico. Grazie all'aiuto del capo della tifoseria dell’LSK, squadra che milita nella serie A norvegese, appenderemo una seconda targa (con incisa la frase: “i canarini per sempre nel cuore di Edward Breda”, ndr) nei corridoi dello stadio “Arasen” per ricordare il loro più grande tifoso italiano ».Questa iniziativa non poteva che sorprendere ed emozionare Sergio, che ben volentieri si è unito alla comitiva per questo incredibile viaggio. «Sono rimasto sorpreso e naturalmente felice - racconta il papà di Eddy-, l'amore per il Lillestrom è nato in maniera del tutto casuale durante uno dei primi viaggi in Norvegia, nel 2002: Eddy si era fatto male alla caviglia e per tirarlo su di morale siamo andati allo stadio, da lì in poi è stato amore a prima vista e le spedizioni in Norvegia non si contavano più».

L'amore per la Norvegia non significa solo calcio e Lillestrom, anche se Eddy era davvero innamorato della squadra dei canarini norvegesi: il portierone del San Biagio si è spinto più volte nella terra dei merluzzi, precisamente alle isole Lofoten, per lunghi giorni di pesca con il sole di mezzanotte.

Chi scrive ha avuto l fortuna di essere al suo fianco durante quei giorni spensierati di pesca ininterrotta.

 

fonte Marco Rossi, "Il Cittadino" del 30 agosto 2017

© 2015 Polisportiva San Biagio 1968. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper